Teorema Catherine di John Green

Dimenticatevi “Città di carta” o “Colpa delle stelle”.. Questo romanzo di John Green è estremamente semplice, scorrevole, ma in alcune parti noiosamente prevedibile.
Se cercate un romanzo leggero allora questo è ciò che fa al caso vostro.

La storia si concentra sulla vita di un ragazzo Colin, e del suo amico Hassan. Quest’ultimo è un religioso convinto, un ragazzo spiritoso e dalla battuta sempre pronta, mentre Colin, un ex-bambino prodigio, è convinto di essere attratto solamente da ragazze che si chiamano Catherine, e che inevitabilmente lo lasciano, per ben 19 (o forse 18) volte.
Quest’ultima delusione è la goccia che fa traboccare il suo vaso, e così decide di trascorrere l’estate più viva della sua vita, e con il suo fedele amico parte per un’avventura on the road, per poi imbattersi, dopo chilometri e chilometri, in un piccolo paese dove passeranno quasi tutta la stagione estiva. È qui che i due ragazzi, abituati a vivere nell’inesperienza più totale, si troveranno ad affrontare i primi problemi adolescenziali, e mentre Colin sfodererà le sue capacità da genio per trovare un teorema in grado di prevedere l’andamento di una storia d’amore, il suo piccolo cuore romperà le vecchie barriere e incontrerà la dolcezza dell’amore.

I personaggi sono descritti in modo impeccabile, così perfetto che, mentre gli occhi si posano sulle righe, quasi possiamo immaginarli al nostro fianco, che ci sorridono.  Anche gli ambienti e i luoghi descritti ci appaiono direttamente nella mente, grazie all’immensa capacità dell’autore.

Un romanzo estivo, fresco, che se dà una parte regala forza morale, dall’altra delude sul punto di vista della trama poco intrecciata, poco lavorata rispetto ai grandi capolavori di John Green poiché quasi metà del romanzo può essere dedotto già dai primi capitoli. Il finale, invece, sorprende. Non per come finisce la storia in sè per sè, ma per le emozioni che regala leggendo, per gli insegnamenti che dona e per la tenera speranza che regala ai piccoli e grandi lettori. Ognuno di noi deve imparare ad amare prima se stesso, per poi amare gli altri, ognuno di noi ha un valore inestimabile, e mai, MAI, dobbiamo mettere al primo posto qualcos’altro. Noi stessi siamo la cosa più importante che abbiamo.

Un bacio, Hell

image

Annunci

2 risposte a "Teorema Catherine di John Green"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...